Studio Legale Carrozza Pisa | News
628
blog,paged,paged-3,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

News

E' in stampa il nuovo Codice dei Beni culturali ragionato, a cura di Famiglietti, Nisticò, Pignatelli, edito da Neldiritto editore. L’Opera, della Collana dei Codici Ragionati Minor, si presenta come strumento di consultazione delle fonti europee, convenzionali e statali (costituzionali, legislative e regolamentari) che compongono la materia dei beni culturali e del paesaggio. Tra gli autori anche i Dott.ri Umberto Cellai, Andrea Carpinelli e la Dott.ssa Laura Taglienti, collaboratori dello Studio Legale Carrozza. Link...

Il T.a.r. Toscana, sez. I, con la sentenza 25.5.2018, n. 754, accogliendo la nostra tesi difensiva a tutela del controinteressato, ha affermato il principio per cui la sostituzione dei commissari nell’ambito di una procedura selettiva, la cui nomina è connotata da ampia discrezionalità tecnica, non viola la disciplina di cui agli artt. 21 quinquies e noniesl. 241/1990, in quanto la peculiare struttura che connota le decisioni assunte in via di...

Il Tar Toscana con l’ordinanza n. 621 del 7.5.2018 ha dichiarato ammissibile l’intervento dell’Unione Regionale delle Province della Toscana (UPI Toscana), assistita dal Prof. Avv. Paolo Carrozza, nel giudizio proposto dalla Provincia di Grosseto contro la Regione Toscana per l’impugnazione della disciplina regolamentare in materia ambientale, e ha accolto la istanza di sollevamento della questione di costituzionalità proposta da UPI Toscana su alcune disposizioni della L.R.T. n. 22/2015, che trasferiscono...

Con la sentenza n. 2366 del 19 aprile 2018, la IV Sezione del Consiglio di Stato ha chiarito che "Il permesso di costruire non può essere sottoposto a condizione, sia essa sospensiva o risolutiva, stante la natura di accertamento costitutivo a carattere non negoziale del provvedimento, con la conseguenza che tale titolo, una volta riscontratane la conformità alla vigente disciplina urbanistica, deve essere rilasciata dal Comune senza condizioni che non...

Una recente sentenza del Consiglio di Stato ha chiarito la portata del cd. principio della suddivisione in lotti di un appalto (art. 51 d.lgs. n. 50/2016). Così "il principio della suddivisione in lotti può dunque essere derogato, seppur attraverso una decisione che deve essere adeguatamente motivata (cfr. Consiglio di Stato, Sez. VI, 12 settembre 2014, n. 4669) ed è espressione di scelta discrezionale (cfr. Consiglio di Stato, Sez. V, 16...