Studio Legale Carrozza Pisa | EDILIZIA – DINIEGO DI PERMESSO DI COSTRUIRE – ANNULLAMENTO GIURISDIZIONALE
1127
post-template-default,single,single-post,postid-1127,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

EDILIZIA – DINIEGO DI PERMESSO DI COSTRUIRE – ANNULLAMENTO GIURISDIZIONALE

Il Tar Toscana, sez. III, con la sentenza n. 858 del 14.6.2019, accogliendo la tesi difensiva del ricorrente, assistito dal Prof. Avv. Nicola Pignatelli, ha annullato un provvedimento di diniego di permesso di costruire per carenza di motivazione, ritenendo altresì inapplicabile l’art. 21 octies, 2° comma, l. n. 241/1990, sul presupposto che “può anche ammettersi che in presenza di attività vincolata i vizi della motivazione non debbano necessariamente condurre all’annullamento dell’atto impugnato, ai sensi dell’art. 21-octies co. 2 l. n. 241/1990, purché ci si attenga a un’interpretazione rigorosa della norma, tale per cui il vizio può essere considerato non invalidante solo quando le emergenze processuali rendano effettivamente “palese” – vale a dire manifesto, evidente – che il provvedimento non avrebbe potuto avere un contenuto diverso”.