Studio Legale Carrozza Pisa | GIURISPRUDENZA – CONCORSI UNIVERSITARI – CONVIVENZA MORE UXORIO – DIVIETO DI PARTECIPAZIONE
957
post-template-default,single,single-post,postid-957,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-13.8,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive

GIURISPRUDENZA – CONCORSI UNIVERSITARI – CONVIVENZA MORE UXORIO – DIVIETO DI PARTECIPAZIONE

Il Consiglio di Stato, sez. VI, con la sentenza n. 4841 del 6.8.2018, accogliendo il nostro appello, ha affermato il principio secondo il quale è illegittima la partecipazione di una candidata ad un concorso universitario di ricercatore a tempo indeterminato (e con essa l’approvazione degli atti e la conseguente presa di servizio), qualora sussista una situazione di convivenza more uxorio con un professore del medesimo Dipartimento di afferenza, per violazione diretta dell’art. 97 Cost., indipendentemente dalla sopravvenuta disciplina della legge Gelmini. Il principio di imparzialità genera quindi come corollario l’applicazione del suddetto divieto di partecipazione a tutti i concorsi universitari (comprese le procedure relative agli assegni di ricerca) anche precedenti alla entrata in vigore della legge n. 240/2010.

Link alla sentenza